Leben Pur - Pure life - Pura Vida
 published: 2009-05-22

Una visita al Santuario Originale di Schoenstatt

Una testimonianza di Marco Antonio Gonzales, paraguaiano, medico ginecologo Ostetrico e perinatologo, che dal 2005 appartiene al Movimento, e che attualmente è proposto a far parte della Federazione delle famiglie

 

Juni 2006, während der Fußball-Weltmeisterschaft: Ehepaar González am Urheiligtum

Junio de 2006, durante el mundial: los González en el Santuario Original

June 2006, during the Soccer Championship: the González at the Original Shrine

Juni 2006, während der Fußball-Weltmeisterschaft: Ehepaar González am Urheiligtum

 

Bei der Weihe des Hausheiligtums
 

Bendición del Santuario Hogar

Home Shrine Blessing

Bei der Weihe des Hausheiligtums

  Der weiße Rosenstrauch als Wegweiser der anderen Art
 

El rosal indica el camino

The white rose showing the way

Der weiße Rosenstrauch als Wegweiser der anderen Art

  Im Heiligtum der Familien
 

En el Santuario de las Familias

In the Shrine of the Families

Im Heiligtum der Familien

  Vor dem Heiligtum der Familien
 

Frente del Santuario de las Familias

In front of the Shrine of the Families

Vor dem Heiligtum der Familien

  Begegnung mit Pater Kentenich
 

Encuentro con el Padre Kentenich

Meeting Father Kentenich

Begegnung mit Pater Kentenich

Mit Anneliese Nuño
 

Con Anneliese Nuño

With Anneliese Nuño

Mit Anneliese Nuño

Fotos: González © 2009

 

 

SCHOENSTATT. In giugno del 2006, durante il nostro viaggio in Germania in occasione del mondiale di football, abbiamo visitato il Santuario Originale di Schoenstatt. Una domenica mattina da una città chiamata Wesler non tanto lontana da Vallendar, avevamo deciso recarci a Schoenstatt.

Nell’albergo, dove eravamo alloggiati, non conoscevano con nostra gran sorpresa il luogo.

Ma noi avevamo deciso recarci a conoscere il Santuario Originale a tutti i costi, perciò prendemmo il treno per Coblenza sapendo che era distante da Vallendar, sulle sponde del Reno, solo 15 Km.

Abbiamo comprato il biglietto per Francoforte per prendere la coincidenza, ma prima di salire sul treno ci siamo accorti che per non conoscere la lingua, non avevamo visto che c’era un treno diretto per Coblenza

Siamo arrivati a Coblenza, nonostante il trasbordo, e domandando ci hanno indicato dove dovevamo prendere un autobus per giungere a Vallendar, ma troppo ansiosi di non sbagliare siamo scesi molto prima…sulla costa del Reno!!! Abbiamo cominciato a camminare in cerca del Santuario. Ma poiché era domenica e le prime ore del pomeriggio non c’era nessuno per la strada. Marta, mia moglie, ha cominciato a pregare la Madonna che ci mandasse un segno, che non ha tardato molto ad apparire in forma di un rosaio bianco con un profumo meraviglioso. La rosa bianca è casualmente il simbolo del nostro gruppo originale, si chiamava LUCE DI MARIA. Ci siamo emozionati moltissimo e Marta ha esclamato: l’unico che manca ora è che appaia una suora che ci porti per mano al Santuario…..dopo 100 metri abbiamo incontrato una suora polacca che capiva il nostro inglese basico, uscendo da una scuola. SI è messa in mezzo a noi, ci ha preso sottobraccio e ci ha portato al Santuario insieme ad una Sorella portoghese, con cui potevamo comunicarci più facilmente.

Conoscere il SANTUARIO ci ha commosso profondamente, e poiché è un luogo di adorazione perpetua, abbiamo dovuto allontanarci un po’ per non fare…chiasso con la nostra gioia!!!!

Lì abbiamo trovato una guida di lusso la Signora Nuño dell’Istituto delle Famiglie, che ci ha accompagnato a percorrere i diversi Santuari con le loro rispettive Case.

Abbiamo così conosciuto la Chiesa dell’Adorazione, dove nella sagrestia è seppellito P. Kentenich, il fondatore del Movimento,. Abbiamo posto i nostri Capitali di Grazie e lettere dei nostri fratelli di gruppo sul tappeto che è steso al lato della tomba e abbiamo firmato il libro dei visitatori, e ricevuto anche un regalo in più: un gruppo di Sorelle terminava l’adorazione, ed abbiamo così ascoltato un coro di voci che realmente pareva ci trasportasse al cielo.

Quel giorno di giugno del 2006 è stato realmente benedetto e sarà indimenticabile nella nostra vita.

Abbiamo continuato percorrendo i diversi monti e abbiamo potuto raccogliere qualche opuscoletto e ricordi del luogo. In un certo momento la nostra guida ha diffidato un po’ di quei due estranei, vestiti con indumenti sportivi…ma al pregare insieme la preghiera della fiducia.. tutto è scomparso…. È stata la nostra Santa Contrassegna!!!!!

L’esperienza del nostro viaggio è stata veramente straordinaria, tanto che siamo ripartiti circa alle ore 21, con un sole ancora splendente nella primavera tedesca.

Quel giorno di giugno del 2006 è stato veramente benedetto e sarà indimenticabile nella nostra vita: abbiamo conosciuto dove è nato il Movimento, che sotto la protezione di Maria, vuole dare a tutto il mondo la trasformazione della vita e delle famiglie in Cristo, per essere realmente Uomini e Donne e Famiglie nuove, impegnate mediante l’apostolato a servire le nostre comunità per un mondo migliore.

Traduzione: Maria Tedeschi, La Plata, Argentina

 


 

Zurück/Back: [Seitenanfang / Top] [letzte Seite / last page] [Homepage]
Impressum © 2009 Schönstatt-Bewegung in Deutschland, PressOffice Schönstatt, all rights reserved, Mail: Editor /Webmaster
Last Update: 26.05.2009