Nachrichten - News - Noticias
 published: 2009-03-27

Troverò la Campagna della Madonna Pellegrina di Schoenstatt a Juiz de Fora?

Nella casa della Mater, Jundial ringrazia al suo pastore

 

Dank der Diözese Jundiaí an Bischof Gil

Dom Gil recebe o agradecimento de seu rebanho

Mons. Gil recibe el agradedecimento de su rebaño

Bishog Gil receives the thanks of his diocese

Dank der Diözese Jundiaí an Bischof Gil

 

Gut 4000 Pilger aus der Stadt Jundiaí kamen im Haus der Gottesmutter zusammen

Cerca de 4 mil peregrinos da cidade de Jundiaí/SP se reúnem na casa da Mãe e Rainha

Unos 4 mil peregrinos de la ciudad de Jundiaí se reunieron en la casa de la Mater

Some 4,000 pilgrims of the city of Jundiaí gathered in the house of the Mother and Queen

Gut 4000 Pilger aus der Stadt Jundiaí kamen im Haus der Gottesmutter zusammen

 
Bischof Dom Gil Antonio Moreira  

Dom Gil Antonio Moreira

Mons. Dom Gil Antonio Moreira

Bishop Dom Gil Antonio Moreira

Bischof Dom Gil Antonio Moreira

 
Gebet  

Oración

Prayer

Gebet

 
Die Pfarreien von Jundiaí unter dem Schutz der MTA  

As paróquias de Jundiaí sob os cuidados da Mãe e Rainha

Las parroquias de Jundiaí bajo la protección de la Mater

The parishes of Jundiaí under the protection of the MTA

Die Pfarreien von Jundiaí unter dem Schutz der MTA

 
Paulo und Lourdes waren fünf Jahre lang Koordinatoren in Jundiaí  

Paulo e Loudes, 5 anos como instrumentos da Mãe e Rainha

Paulo y Lourdes, coordinatores salientes

Paulo and Lourdes, during the past five years coordinators in Jundiaí

Paulo und Lourdes waren fünf Jahre lang Koordinatoren in Jundiaí

Fotos: Ir. M. Nilza © 2009

Álbum de fotos – photo album – Fotoalbum

 
 

BRASILE, Suor Nilza. Circa 4.000 pellegrini della città di Jundial/SP, in quasi 75 autobus e centinaia di automobili, sono giunti alla Casa della Madre e Regina per salutare il loro Vescovo, Mons, Gil, che parte per assumere l’incarico di Arcivescovo a Juiz de Fora/MG.

Fino all’anno scorso la diocesi di Jundial veniva in un pellegrinaggio annuale al Santuario di Atibaia. . Nell’ultimo pellegrinaggio, la Casa della Madre quasi non aveva potuto accogliere tanti figli. perciò, affinché ciascuno potesse approfittare meglio l’incontro con Gesù in braccio di sua Madre, la città di Jundail è venuta quest’anno separata dagli altri…il giorno 15 marzo la Madre di Dio ha accolto circa 4.000 figli di questa terra benedetta, accompagnati dal suo Vescovo Diocesano, Mons. Gil Antonio Moreira, che si trasferirà a Minas Gerais.

La missione compiuta

La gioia e la tristezza erano quel giorno un sentimento unico, poiché il commiato era unito al termine del mandato di una coppia come coordinatori della città di Paulo e Lourdes, che dopo 5 anni, passa ad altri la missione, Nonostante gli ex-coordinatori continuino a lavorate nella Campagna della Madonna Pellegrina, cambiano il loro incarico. "Sorella, dobbiamo tutta quest’emozione a quella coppia, "ha commentato emozionato un partecipante. "Senza di loro oggi noi non saremmo qui!." L’umiltà dei coordinatori e l’emozione che riflettono li fa dire: "Abbiamo solo compiuto la nostra missione!"

In questo momento di transizione la cosa migliore è lasciare tutto nelle mani della Madre Regina. Ai piedi della sua Immagine, ogni parrocchia – rappresentata da una bandierina. – si è di nuovo consacrata sotto il patrocinio della sua benedizione.

Un abbraccio che ciascuno vorrebbe dare

Il P. Marcello è stato la guida della Santa Messa, presieduta da Mons Gil. Nell’omelia il Vescovo ha motivato ciascuna famiglia presente a sforzarsi per una cultura di pace, come ci chiede la Campagna di Fraternità. Prima della benedizione finale il Vescovo ha ricevuto l’omaggio del suo gregge. Un giovane ha recitato un poema tra le lacrime e una bambina gli ha consegnato un mazzo di fiori con un grand’abbraccio di gratitudine che ciascuna persona presente avrebbe voluto dargli.

Monsignore ringrazia emozionato

Monsignore ha affermato che parte contento, perché i 5 anni in quella diocesi erano stati felici. Ha affermato che nostra Signora è Padrona e Regina della diocesi ed ha dato forza e spinta ai coordinatori e ai missionari della Madre Pellegrina: "Continuate cercando la Madre del Signore per evangelizzare. Ella benedice tutti i gruppi. Non vi demoralizzate per nulla, nemmeno per le delusioni.!". Ha ricordato che una missionaria della Madre Pellegrina era stata sequestrata ed invita tutti a pregare per lei. Si è rivolto alla Madre e guardando l’Immagine e con tutti i presenti ha elevato una supplica, affinché la Madre e Regina la protegga ovunque sia e la riporti alla sua famiglia. Mons. Gil ha, poi, benedetto tutti i simboli e i presenti e la celebrazione si è conclusa.

Tu sei la nostra Regina

Il pomeriggio. la città di Jundial ha incoronato la Madre e Regina, mettendo ciascuna famiglia nelle sue mani. Il Santuario è stato durante tutto il giorno strapieno di gente, venuta a ringraziare per alcuna grazia ricevuta, per consacrarsi alla Mater o semplicemente per rimanere un momento con Lei e guardarla.

Alla fine del giorno si è tenuto il grato commiato: ai numerosi volontari di Jundial che mentre i pellegrini pregavano aiutavano, affinché tutto fosse perfetto; ai volontari di Santa Barbara e di altre località, che erano arrivati il mattino presto per aiutare la Madre e Regina, le sorelle, i funzionari e i coordinatori del pellegrinaggio, che si erano dedicati con tutto il loro impegno perché tutto quel giorno fosse preparato nel migliore dei modi.. "Arrivederci io vengo tutti gli anni". Ha esclamato felice una signora che cercava il suo gruppo.

Saprà rispondere Juiz de Fora a Mons. Gil?

Quando ho salutato personalmente Mons, Gil mi ha domandato riferendosi ai coordinatori e ai missionari della Madonna Pellegrina di Juiz de Fora:

Incontrerò la Campagna della Madonna Pellegrina di Schoenstatt a Juiz de Fora?

Ci saranno molti gruppi della Madre e Regina nell’Archidiocesi?

Saranno abituati a fare pellegrinaggi al Santuario della Madre e Regina e grandi riunioni come a Jundial?

Traduzione: Maria Tedeschi, La Plata, Argentina

 


 

Zurück/Back: [Seitenanfang / Top] [letzte Seite / last page] [Homepage]
Impressum © 2009 Schönstatt-Bewegung in Deutschland, PressOffice Schönstatt, all rights reserved, Mail: Editor /Webmaster
Last Update: 31.03.2009