Nachrichten - News - Noticias
 published: 2007-12-18

Dove si dà valore alla vita – nata o no – si sviluppa la civiltà dell’amore

La benedizione a futuri padri e future madri impartita da Monsignor Dott. Reinhard Marx vescovo di Tréveris

 

Bendición de padres y madres en Treveris, con Mons. Reinhard Marx

Blessing of mothers and parents in Trier, with Bishop Reinhard Marx

Mutter-/Elternsegen in Trier mit Bischof Dr. Reinhard Marx

 

La Rama de Madres y la Rama Familiar trabaron juntos para la bendición

The Mothers’ Branch and the Family Branch worked together for the blessing

Die Schönstatt-Bewegung Frauen und Mütter und die Familienbewegung arbeiteten zusammen für die Segensfeier

 
 

Mons. Reinhard Marx durante la prédica

Bishop Reinhard Marx during the sermon

Bischof Dr. Reinhard Marx bei der Predigt

Fotos: POS Fischer © 2007

 
 

El momento culminante: la bendición personal

The highlight: the personal blessing

Der Höhepunkt: Einzelsegen

 
 

Los niños más valientes

The most daring children

Die mutigsten Kinder machten mit Handsternen Bewegungen zu den Liedern

 

Una cola larga de personas en espera de la bendición

Standing in line, waiting for the blessing

Eine lange Schlange bildete sich, als der Segen erteilt wurde

Fotos: POS Brehm © 2007

 
 

Mons. Marx con el coro de niños de Kenn

Bishop Marx with the childrens’ choir from Kenn

Bischof Marx mit dem Kinderchor Kenn

Foto: POS Fischer © 2007

Álbum de fotos – photo album – Fotoalbum

 

 

 

GERMANIA, mkf. "È bello incontrarsi qui nel Tempo d’Avvento, poiché questo Tempo, come anche quello di Natale, ci mostra un Dio che è amico della vita ", così ha affermato Monsignor Dott. Reinhard Marx in occasione della prima benedizione di madri e padri che si è tenuta a Tréveris, nella chiesa di San Gangolf, totalmente piena di gente. Se si apriva la porta laterale, si poteva vedere direttamente l’affollata fiera di Natale di Tréveris. Era qualcosa al contempo, che si riferiva a questa cerimonia di Natale, perché si trattava di un bambino: di un bambino mediante il quale allora in Betlemme, Dio aveva mostrato agli uomini l’infinito valore che dà ad ogni bambino, anche ad ogni bambino la cui vita è appena cominciata – nonostante non sia ancora nato – e come la Chiesa, con questa celebrazione, vuole dimostrare quanto lo considera

È il sabato anteriore alla terza domenica d’Avvento. Le strade del centro di Tréveris sono ingorgate dal traffico. L’ingorgo è totale, non solamente per la strada, bensì anche nella fiera di Natale e nelle vie adiacenti. Il clima freddo, ma con sole invita la gente a passeggiare per la città. Direttamente al lato della fiera di Natale si aprono le porte della chiesa di San Gangolf. Sulla parete c’è un piccolo bassorilievo della Madre. Nell’interno si adora il Santissimo Sacramento esposto. C’è gente pregando: religiose, donne e uomini e giovani con pacchetti. "Spesso credo che voi forse considerate il Tempo di Natale pieno di obblighi, di troppo daffare, di troppo stress, di troppo consumismo nella fiera di Natale", ha affermato poi Monsignor Marx, all’inizio della sua omelia.

"Si sente qui ancora qualcosa della vera festa di Natale? Ma io non ho paura. In tutto questo clima confuso e sopraccaricato, il mistero di Natale è più forte, perché ha un messaggio che è tanto grande, e che ogni anno nuovamente tocca specialmente i bambini: è il messaggio che Dio è amico della vita, che Egli si è innamorato degli uomini, che Egli accetta tutto l’umano, che Egli è innamorato degli uomini, che Egli si rallegra infinitamente con loro e perciò può comprendere quando la gente è di eccellente umore e festeggia. È una festa della vita!"

Una festa della vita

Anche in questa chiesa si celebrava una festa della vita. Madri e padri avrebbero ricevuto la benedizione della Chiesa per i loro bambini non ancora nati, impartita da Monsignor Marx, che con gioia partecipava a questa cerimonia.. Mentre si preparavano gli ultimi particolari e si distribuivano i testi della celebrazione (che erano arrivati in ritardo perché chi li portava era rimasto ingorgato nel traffico), il Vescovo entrato in chiesa dalla fiera,. ha salutato i conoscenti, ha pregato davanti al Santissimo Sacramento, ed ha intonato lo stesso inno eucaristico prima di chiudere il tabernacolo durante la cerimonia di benedizione.

Il coro dei bambini di Kenn, incaricati dell’accompagnamento musicale, ha iniziato la sua prima canzone. La Chiesa era piena. Si vedevano i volti felici degli schoenstattiani presenti "Non si può sapere quanti verranno", ha detto la Sig.ra Eichenberg, di Vallendar. Ed invece sono arrivati molti: donne e famiglie giovani, molti bambini e bebè. Una festa della vita! "Celebriamo la vita, ma non lo facciamo perché c’è stata regalata, bensì perché la riceviamo attraverso i nostri genitori, perché Dio con il suo amore ci ha chiamato alla vita", ha affermato Monsignor Marx nella predica. Così la Chiesa celebra ed incoraggia con questa benedizione i padri, le madri e tutti quelli che con la loro gioia familiare apportano alla costruzione di una società che ama i bambini.

I coniugi Freiberg, di Neuwied, hanno salutato il vescovo e tutti i presenti a questa cerimonia. Il primo testo ha collegato il Natale con la conferma che Dio ha dato ad ogni padre e madre, ma specialmente ad ogni bambino non ancora nato: "Sono accanto a te". I salmi e i testi biblici si riferivano al miracolo della vita, e sono stati magnificamente accompagnati dai canti del coro dei bambini e da alcuni bambini che hanno avuto il coraggio di avvicinarsi all’altare con le loro stelle in mano, che si muovevano compassatamente. Seguendo la conferma di Dio "sono accanto a te", l’apostolato del Gruppo delle Madri di Schoenstatt ha organizzato questa cerimonia di benedizione. .Ciascuna donna incinta si deve sentire accompagnata dalla preghiera e dalla benedizione di Dio, deve sperimentare che altre donne hanno preparato scarpine per i loro bebè, organizzato la cerimonia, provato i canti, viaggiato, perché il loro figlio è infinitamente prezioso e perché sono molti coloro che l’aspettano.

Essere padri, essere madri, non è una funzione, bensì una vocazione.

"Una società che non accetta la paternità e la maternità non corrisponde al potenziale che possiede", ha affermato Monsignor Marx. "La politica familiare è importante, e le molte iniziative in favore della famiglia sono assolutamente benvenute, ma il più importante è scoprire la felicità di formare una famiglia e di essere genitori. La paternità e la maternità non sono una funzione, ma una vocazione che è profondamente in rapporto con il Natele. Questa è una festa della vocazione all’umanità, una festa che implica un sì alla vita ed alla famiglia.

Senza ignorare il dramma delle famiglie separate o mai formate, si tratta di scoprire di nuovo la gioia nella famiglia. Ciascun padre e ciascuna madre che hanno detto sì al loro figlio, sono un segno pubblico di speranza. Dove si dà valore alla vita – nata o no - si sviluppa la civiltà dell’amore. E se è il contrario cresce la cultura dell’egoismo".

Dopo la preghiera di benedizione del Vescovo e delle preghiere dei padri e delle madri, è continuata la cerimonia della benedizione, che è giunta al cuore di ciascuno: padri, madri e famiglie. Tutti potevano riceverla, tutti sono stati invitati ad avvicinarsi all’altare: i futuri padri e le future madri, tutti, coloro che già erano padri e madri o che lo volevano essere, e tutti coloro che volevano ricevere la forza d’impegnarsi di più per la famiglia. E tutti si sono avvicinati.

Il Vescovo ha conversato lungamente, personalmente con chi gli si avvicinava per essere benedetto. Dove sperimenta la gente questa attenzione tanto personale della Chiesa, questo incontro tanto personale con Dio? Sono momenti che scendono profondamente nel cuore. E sui visi si notava la gioia del profondo incontro con Dio: lacrime, sorrisi, felicità...orme di Dio

Un sentito grazie a Monsignor Marx

Alla fine della cerimonia la sigra Eichenberg ha ringraziato Monsignor Marx, in nome del Movimento di Schoenstatt, per queste ore, ma anche per tutto quello che in questi anni ha fatto per la diocesi di Tréveris e per Schoenstatt, e gli ha augurato la benedizione di Dio per la sua nuova missione a Monaco. Chissà quando lo inviteranno là per una benedizione di padri e di madri!

Il 30 dicembre si é tenuta una nuova benedizione di padri e madri a Friburgo, impartita dal vescovo ausiliare Monsignor Rainer Klug

Traduzione: Maria Tedeschi, La Plata, Argentina

 

 

Zurück/Back: [Seitenanfang / Top] [letzte Seite / last page] [Homepage]
Impressum © 2007 Schönstatt-Bewegung in Deutschland, PressOffice Schönstatt, all rights reserved, Mail: Editor /Webmaster
Last Update: 11.01.2008