Nachrichten - News - Noticias
published: 2007-09-04

Dio ha bisogno di te, di te e di te.

Impressioni della "Notte del Santuario" a Schoenstatt

 

Nacht des Heiligtums: tiefes Gebet, Musik, Spontaneität

Noche del Santuario: oración profunda, música, espontaneidad

Night of the Shrine: deep prayer, music, spontaneity

Nacht des Heiligtums: tiefes Gebet, Musik, Spontaneität

Foto: POS K. Fischer © 2007

 

Station bei der Lichterprozession

Estación en la procesión de luces

Station during the candle light procession

Station bei der Lichterprozession

Foto: Martin Schneider © 2007

 
Bei der Vigilfeier

Durante la vigilia

During the vigil

Bei der Vigilfeier

Foto: POS K. Fischer © 2007

 
Workshop: Zeugnisse einer Wallfahrt nach Rom

Taller: Testimonios de uma peregrinación a Roma

Workshop: Testimonies of a pilgrimage to Rome

Workshop: Zeugnisse einer Wallfahrt nach Rom

Foto: Blumers © 2007

 
Choreographie: die Gnaden des Heiligtums für alle

Coreografía: las gracias del Santuario para el mundo

Choreography: the graces of the Shrine for all

Choreographie: die Gnaden des Heiligtums für alle

Foto: POS K. Fischer © 2007

 
Generation 2014

Generación 2014

Generation 2014

Generation 2014

Foto: Mañanes © 2007

 
   

SCHOENSTATT,Manuela Mañanes. Con queste parole dell’Inno di quest’anno per il Schoenstatt Summer, si è chiusa la celebrazione di questo progetto Circa 300 giovani d’Europa e di altri continenti si sono riuniti il 1º e 2 di settembre a Schoenstatt per celebrare per seconda volta questo avvenimento che ricorda "l’Alleanza Internazionale d’amore", che nell’anno 2005 migliaia di giovani di tutto il mondo hanno suggellato nel Santuario Originale.

Quest’anno il motto era "Assumi la responsabilità per la tua fede", e durante i due giorni i giovani hanno affrontato la diversità delle lingue, delle culture e delle realtà assumendo la responsabilità per quella fede che in questo mondo attuale è tanto svalutata.

I ragazzi della "Wuerzburg Schoenstatt’s Band" si sono entusiasmati tanto all’Incontro, che hanno creato un clima di spontaneità e familiarità, che si va accentuando sempre di più in queste riunioni di giovani nel Schoenstatt originale..

La profondità della preghiera e la spontaneità.

Voglio far notare l’importanza di molti dettagli che hanno toccato specialmente la mia anima in questi giorni. Piccoli particolari, che davano la sensazione di essere a "casa propria". La gioventù schoenstattiana tedesca è sempre più infiammata di uno spirito che viene crescendo già da due anni. È uno spirito in cui si combinano la profondità della preghiera e la spontaneità.

Si suole dire che lo stile tedesco è molto rigido e strutturato. Credo che in questa Giornata così come in quella di Monaco, in giugno di quest’anno, si è potuto costatare quanto questi giovani stanno sviluppando elementi che hanno ricevuto nella GM del 2005 e che allo stesso tempo incrementano virtù incredibili in questa generazione "Giubileo 2014". Vivere tutto questo è affascinante!

Sempre mi commuove vedere come la giornata comincia con musica e i giovani che al principio accompagnano timidamente il ritmo, a poco a poco si trasformano e tutti godono realmente della musica, e non solo di quanto piacere sia ascoltarla, bensì vivendo la preghiera che è la canzone, godendo delle parole e della spiritualità del momento della "Notte del Santuario". Era veramente incredibile, poiché la preghiera è stata più che ampia e nessuno si è mosso nonostante il freddo. Tutti hanno accompagnato il pellegrinaggio silenziosamente, poi hanno adorato in gran raccoglimento il Santissimo, esposto all’aria aperta. Alla fine si sono consacrati davanti al Santuario così come due anni fa l’hanno fatto migliaia di noi, con quel "tu ed io per loro".

Facendomi ricordare le mie notti nel Santuario….

Ma c’è di più: dopo la preghiera molti di questi giovani, la maggioranza tedeschi ed ungheresi, sono rimasti fino alle 3 nel Santuario suonando la chitarra e cantando, facendomi ricordare le mie notti nel Santuario di La Plata o le Messe d’invio a Madrid durante le missioni o incluso i pomeriggi di Santuario in Confidentia, Centro di Schoenstatt a Buenos Aires.

Per me è realmente un piacere poter dire che questo avvenimento rinnova nel mio intimo la voglia di lavorare per costruire quell’uomo nuovo, sia dove sia, poiché tutti i cuori lo cercano, tutti i giovani desiderano da questo Dio, che faccia loro sentire quella pace interiore che né il confort, né il progresso, né il denaro possono regalare.

E chiunque sia venuto a questa Giornata per rinnovare le energie per continuare dedicandosi a Cristo nella vita quotidiana, ha trovato momenti che li facevano affermare: "Si deve assumere la responsabilità per Cristo! Migliaia di persone che con il loro sorriso in ogni corridoio, in ogni prima colazione, in ogni sguardo ti ripetevano: "Porto Cristo dentro di me!".

Dio ha bisogno di te

Credo che uno dei momenti di cui ho più goduto è stato il canto finale, quando cantavamo l’Inno, le cui ultime parole dicono:

"Tutti abbiamo bisogno di qualcuno e Dio ha bisogno di te, di te, e di te" e con queste parole ciascuno segnalava chi aveva di fronte, al lato e dietro. Improvvisamente ho ricordato una fotografia, in cui gli uni e gli altri segnalandoci con il dito e dicendoci in faccia con un sorriso enorme, "Dio ha bisogno di te"…. Che forte! Mi sono realmente reso conto che la canzone ci lasciava un chiaro messaggio…Dio ha bisogno di me e me lo sta dicendo!

Dopo quattro mesi che vivo nel cuore della cultura tedesca, posso dire senza alcun dubbio che sento quanto la gioventù ha coraggio ogni giorno di più di assumere con orgoglio la responsabilità davanti al mondo e dire che "Cristo ha bisogno di ciascuno di noi…"

Traduzione: Maria Tedeschi, La Plata, Argentina

 


Zurück/Back: [Seitenanfang / Top] [letzte Seite / last page] [Homepage]

Last Update: 07.09.2007 Mail: Editor /Webmaster
© 2007 Schönstatt-Bewegung in Deutschland, PressOffice Schönstatt, hbre, All rights reserved, Impressum